DeutschFrançaisItaliano
HomeContattoDownloadsNewsletterAgendaLinks  RSS Suche:
HOMEPAGECHI SIAMOSFIDEFORMAZIONEPESCE DELL' ANNOGIORNATA DELLA PESCAARCHIVIOFSP-SHOP

Ciclo di vita

In tutto il regno animale non esiste una migrazione tanto avventurosa e misteriosa come quella dell’anguilla. Nessuno è riuscito ad osservare l’accoppiamento o la schiusa della sua discendenza. Tuttavia: quasi cent’anni fa, un’intensa ricerca ha condotto al Mare dei Sargassi. In quest’ampia zona marina di più di 5 milioni di chilometri quadrati, situata tra la Florida, i Caraibi e le Bermuda, si crea un immenso vortice di corrente delle Antille che a sua volta genera la Corrente del Golfo lungo le coste dell’America del Nord.

In questa regione si trovano le più piccole larve d’anguilla (da 6 a 10 millimetri). Grazie alla loro forma a foglia di salice vengono trasportate passivamente dalla Corrente del Golfo verso l’Europa. Questo viaggio dura da due a tre anni. Non appena raggiungono una costa, le giovani anguille vi si stabiliscono oppure risalgono le acque interne continentali. A questo stadio assomigliano a una mini versione trasparente dei loro genitori (da 6 a 8 centimetri) – e vengono chiamate anguille cieche. All’epoca in cui la migrazione dei pesci non era ostacolata, raggiungevano la Svizzera tra il quarto e il sesto anno di viaggio. Dove trovano un territorio familiare, utilizzano ogni risorsa disponibile per costituirsi delle riserve in vista della lunga migrazione riproduttiva. A questo punto vengono chiamate «anguille gialle» (ragani).

Ci vogliono anche vent’anni prima che un’anguilla tenti la lunga via migratoria per la riproduzione. A questo stadio, il suo corpo si trasforma in anguilla argentata. I fianchi assumono una tinta chiara e brillante, il dorso si scurisce e gli occhi s’ingrandiscono notevolmente. Si tratta di adattamenti in vista della lunga migrazione di ritorno verso il luogo d’origine, che può essere lunga fino a 6000 chilometri lungo l’Atlantico.


Un ciclo di vita che, anche in condizioni favorevoli, comporta numerosi rischi e che è sensibile ai cambiamenti. L’anguilla risente quindi molto dell’influsso dell’uomo sul suo ambiente, e la triste conseguenza è la scomparsa delle popolazioni di questi pesci che un tempo si consideravano come inestinguibili.    

 

Grafici sul ciclo di vita delle anguille

 

sfv_online_aal_zyklus_a

 

sfv_online_aal_zyklus_b

sfv_online_aal_zyklus_c

 

Ricerca sulla migrazione dell’anguilla (in tedesco)

https://www.nzz.ch/wissenschaft/der-europaeische-aal-glatt-am-verschwinden-ld.1302322

 

indietro

tip-a-friend print

ONLINE-DOSSIERS

Per i seguenti temi centrali, la FSP ha allestito un esauriente Dossier-online: 

L’anguilla

Dossier online: Pesce dell'anno 2018

Pesticidi

L'argomentario iniziativi pesticidi e acqua potabile

Dossier Doubs

Online Dossier - salvare il Doubs 

Migrazione a valle dei pesci

Dossier-online sul cammino di ritorno dimenticato  

Abbonarsi alla newsletter della FSP

Tenetevi informati sulla FSP e la pesca

Abbonatevi alla newsletter

Diventare membro

Diventare membro di una società di pesca o diventare socio donnatore della FSP

Dichiarazione di adesione

Per donazioni

Postkonto:  30-444852-8

 
Design & Technology by YOUHEY Communication AG, Burgdorf, Switzerland.